Il Potere del Cane, 8 curiosità sul front-runner degli Oscar 2022

Con le sue 12 nomination (tra cui Miglior Regia, Miglior film e praticamente tutto il cast),  Il potere del cane (Netflix) è il front runner degli Oscar 2022. Il western di Jane Campion, tratto dal romanzo di Thomas Savage del 1967, racconta la storia dei fratelli George e Phil Burbank in un ranch nel Montana del 1925. Quando George (Jesse Plemons) sposa la giovane vedova Rose (Kirsten Dunst) e la porta a vivere nel ranch, Phil (Benedict Cumberbatch) prende di mira la donna e suo figlio Peter (Kodi Smit-McPhee), tormentandoli senza sosta.

Il film ha infranto diversi record agli Oscar, tra cui Jane Campion prima donna nominata 2 volte al Premio per la regia (in passato lo fu per Lezioni di piano del 1993) e la coppia di sposi, anche, nella vita Kirsten Dunst-Jesse Plemons, entrambi candidati come migliori attori non protagonisti. Ecco, 8 curiosità su Il Potere del Cane:

Il titolo

Il Potere del Cane s’ispira a un verso della Bibbia, esattamente nel salmo 22:20, che recita: “Salva l’anima dalla spada, salva il cuore dal potere del cane“. Il significato del titolo fa riferimento a tutti gli impulsi violenti e imprevedibili dell’animo umano che possono arrivare a tormentarlo e distruggerlo.

Location

Ambientato nel Montana degli anni ’20, il film è girato in Nuova Zelanda, la patria della regista Jane Campion.

Benedict Cumberbatch

L’attore britannico si è gettato anima e corpo nel ruolo del rude e sadico cowboy Phil: ha rifiutato di parlare con la sua co-star Kirsten Dunst per rendere più reale il disprezzo, ha poi imparato a cavalcare un toro, a suonare il banjo e ha perfino scelto di non lavarsi due settimane dall’inizio delle riprese, perché voleva “si sentisse il suo odore ovunque”. Purtroppo per Benedict, il suo alter-ego è anche un uomo che fuma molto, e per Cumberbatch è stata un’esperienza orribile. L’attore ha avuto un avvelenamento da nicotina per ben tre volte durante le riprese.

Elisabeth Moss, prima scelta per il ruolo di Rose

In quella che sarebbe stata la sua terza collaborazione con Jane Campion dopo la miniserie di successo Top of the Lake, Moss è stata costretta a ritirarsi a causa di conflitti di programmazione con il film Next Goal Wins di Taika Waititi. Il suo ruolo è, così, scivolato nelle mani di Kirsten Dunst.

Paul Dano, prima scelta per il ruolo di George

L’Enigmista di The Batman ha abbandonato a causa di conflitti di programmazione con il colossal di Matt Reeves. Dano ha cercato di elaborare il programma, ma alla fine non ci è riuscito e Jesse Plemons lo ha sostituito.

Kristen Dunst al piano

L’attrice ha dichiarato di non saper suonare questo strumento, ma di essersi esercitata varie volte per poter interpretare la scena al pianoforte. Inizialmente aveva registrato due brani musicali, ma uno è stato tagliato dalla versione finale, con suo grande dispiacere.

Kodi Smit-McPhee

L’attore australiano ha svelato di aver dovuto prendere parte a un vero e proprio campo di addestramento voluto dalla regista. Un esempio? Ha dovuto camminare per terra a fare finta di essere una volpe, l’animale più simile nelle sue caratteristiche a Peter.

Le musiche

Le musiche originali del film sono del compositore candidato all’Oscar, Jonny Greenwood, alla sua prima collaborazione con la regista Jane Campion. Oltre ad essere famoso come chitarrista dei Radiohead, Greenwood è anche un collaboratore assiduo del regista Paul Thomas Anderson. Per la colonna sonora de Il Potere del Cane, Greenwood ha deliberatamente evitato gli archi epici che ti aspetteresti da un western, optando per composizioni atonali e leggermente stridenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...