Sound of Metal, 10 curiosità sull’outsider degli Oscar 2021

A 5 anni dall’acclamato Whiplash di Damien Chazelle, il cinema torna a picchiare sui piatti nel bellissimo Sound of Metal (disponibile su Amazon Prime Video). La pellicola che racconta la storia di Ruben Stone, un batterista heavy-rock che inizia a perdere l’udito. Musica, sordità e tormento. Senza scomodare Beethoven, l’opera prima di Darius Marder riceve il plauso della critica volando agli Oscar 2021 con 6 nomination (tra cui quella per miglior film e sceneggiatura firmata dallo stesso Marder insieme al fratello Abraham). Prodotto nel 2019, Sound of Metal è stato “ereditato” dall’amico Derek Cianfrance per il quale Marder aveva co-sceneggiato il suo Come un tuono. Primo attore musulmano in corsa verso gli Oscar, il rapper britannico di origini pakistane Riz Ahmed interpreta il batterista ex eroinomane alle prese con la perdita dell’udito.

Aspettando gli Oscar 2021 (il prossimo 25 aprile), 10 curiosità sul film tra decibel e claustrofobia.

Il film è stato concepito da Derek Cianfrance basandosi sulle proprie esperienze di ex batterista, adesso regista e sceneggiatore, affetto da acufene.

Originariamente, il film era intitolato Metalhead.

In principio, il film doveva essere interpreto da Matthias Schoenaerts e Dakota Johnson, successivamente, sostituiti da Riz Ahmed e Olivia Cooke.

Prima delle riprese, Ahmed ha preso lezioni di batteria per sei mesi per meglio calarsi nel personaggio.

L’attore ha imparato l’ASL (American Sign Language), la lingua dei segni americana.

Le scene di Ruben (Riz Ahmed) che suonava e insegnava a suonare la batteria con i bambini sordi sono state improvvisate.

Durante le scene in cui Ruben sta lottando con la sua perdita dell’udito, Riz Ahmed indossava bloccanti nel condotto uditivo che emettevano rumore bianco. L’attore ha affermato di non riuscire a sentire nulla, neanche la sua stessa voce.

Parte del cast è composto da attori non-professionisti provenienti dalla comunità sorda. In particolare, per il ruolo di Joe, la produzione ha rifiutato molti nomi famosi che si erano offerti per la parte, scegliendo infine Paul Raci, attore figlio di genitori sordi che non aveva mai ottenuto prima un ruolo di rilievo nella sua carriera. Oggi, è candidato all’Oscar come migliore attore non protagonista.

Olivia Cooke che interpreta Lou, la fidanzata del protagonista, suonava la chitarra e cantava dal vivo. Ha scritto lei la canzone d’apertura del film.

Il suono è l’elemento fondamentale del film. Il mixaggio sonoro di Sound of Metal (Nicolas Becker, Maria Carolina Santana Caraballo-Gramcko) è stato realizzato in 10 settimane. È stato fatto un lavoro meticoloso per conferire al film un claustrofobico sound design. Il film è candidato all’Oscar per il miglior suono (Nicolas Becker, Jaime Baksht, Michelle Couttolenc, Carlos Cortés, Phillip Bladh).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...