Beastie Boys, 10 canzoni iconiche alla vigilia del docu-live

Debutta domani su Apple TV+ «la storia di tre amici che ispirandosi a vicenda hanno ispirato il mondo». Beastie Boys Story, il film documentario dedicato al trio più leggendario dell’hip hop. Alla regia c’è Spike Jonze, regista culto di Her e Essere John Malkovich, oltre che collaboratore di vecchia data dei Beastie (l’acronimo di “Boys Entering Anarchistic States Towards Inner Excellence“) per cui ha diretto il famoso videoclip di Sabotage.

Il docu-live vede protagonisti i due membri superstiti del trio – Michael «Mike D» Diamond e Adam «Ad-Rock» Horovitz – che sul palco del Kings Theatre di Brooklyn ripercorrono la trentennale carriera, celebrando l’amico Adam ‘MCA’ Yauch scomparso nel 2012.

Beastie-Boys-Pizza-16x20-Color-800x500

I Beastie Boys provengono dalla scena hardcore punk newyorkese degli Anni 80. Nel 1985, i tre finiscono in tour con Madonna e, l’anno dopo, pubblicano il loro album d’esordio, Licensed to III.  Il resto è storia.

Precursori del genere crossover, i Beastie Boys hanno saputo, nell’arco della loro micidiale carriera, rinnovare il loro stile e look. Oggi, in concomitanza con l’uscita di Beastie Boys Story, Opening Ceremony lancia una capsule in edizione limitata ispirata alle canzoni più famose della band, disponibile solo su Farfetch e Brownsfashion.

Alla vigilia del docu-live di Spike Jonze, riascoltiamo i 10 brani iconici del trio di teppistelli del rap.

 

 

“(You Gotta) Fight for Your Right (To Party!)” da Licensed to Ill (1986)

Regia: Adam Dubin e Ric Menello

 

 

“Hey Ladies” da Paul’s Boutique (1989) 

 

 

 

“Shadrach” da Paul’s Boutique (1989)

 Regia: Nathanial Hörnblowér

 

 

“So What’cha Want” da Check Your Head (1992)

 Regia: Nathanial Hörnblowér

 

 

“Sabotage” da Ill Communication (1994)

Regia: Spike Jonze

 

 

“Sure Shot” da Ill Communication (1994) 

 

 

 

“Intergalatic” da Hello Nasty (1998)

 Regia: Nathanial Hörnblowér

 

 

“Body Movin’’’ da Hello Nasty (1998) 

Regia; MCA, sotto lo pseudonimo di Nathaniel Hornblower

 

 

“An Open Letter to NYC” da To the 5 Boroughs (2004)

Regia: Nathanial Hörnblowér

 

 

Make Some Noise da Hot Sauce Committee Part Two (2011)

Regia; MCA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...