10 ragioni per cui «L’incredibile Hulk» è la migliore serie Marvel di sempre

Fatevi in là Daredevil e Legion, perché il supereroe televisivo più Marvel di sempre celebra 40 anni di irascibili trasformazioni. Dal fumetto di Stan Lee e Jack Kirby, L’incredibile Hulk spopolò per 5 stagioni (dal 1977 al 1982 sulla CBS) consacrando il Lou Ferrigno verde dalla rabbia nella memoria collettiva, grazie all’iconica sequenza-shock in cui emerge strappandosi i vestiti di dosso. La serie creata da Kenneth Johnson racconta la storia di un ricercatore molecolare di fama mondiale, il dottor Banner (interpretato da Bill Bixby), che in seguito a un bombardamento con i raggi gamma si trasforma in un essere mostruoso di colore verde che prende il sopravvento. Ecco, le dieci ragioni per cui L’incredibile Hulk è la migliore serie Marvel di sempre.

1

1. Perché, per la prima volta, ci si approccia all’universo dei supereroi in tono serio, abbracciando per lo più tematiche sociali e il tema del fuggitivo con interessanti spunti dal Dr. Jekyll & Mr. Hyde e da I Miserabili.

2

2. Per il geniale espediente nel realizzare il dualismo sullo schermo (la computer grafica di allora veniva applicata solo nei videogames) scritturando due attori: lo scienziato Bruce Banner incarnato da Bill Bixby e il suo gigantesco alter ego che sfodera i muscoli del body builder, Lou Ferrigno.computer grafica veniva applicata solo nei videogames): lo scienziato Bruce Banner incarnato da Bill Bixby e il suo gigantesco alter ego che sfodera i muscoli del body builder, Lou Ferrigno.

3

3. Perché, fu la prima trasposizione televisiva di successo di un fumetto Marvel.

4

4. Perché, è il primo Marvel tv show ad aver vinto un Emmy Award.

5

5. Perché, è il primo adattamento da un fumetto Marvel a ospitare un cameo di Stan Lee.

6

6. Perché, Hulk è l’unico supereroe televisivo a poter vantare tre film tv.

7

7. Perché, è il primo comic book tv show con supereroi crossover.

Incredible-Hulk-TV-Ferrigno-Bixby-h8

8. Per l’iconica trasformazione da Bruce Banner a Hulk (qui, vi mostriamo la sequenza-shock dal pilota).

8

9. Per lo sconvolgente episodio in due parti «Il labirinto della memoria» (titolo originale Mystery Man) in cui Banner sopravvive ad un terribile incidente automobilistico che lo lascia con amnesia e bruciatore sul volto e si troverà ad interagire col reporter ficcanaso Jack McGee (brillantemente interpretato da Jack Colvin).

bill-bixby-image

10. Perché, è la serie di supereroi con la sigla più bella di tutti i tempi: The Lonely Man, composta al pianoforte da Joe Harnell.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...