Woman in Gold e i film ispirati alle opere d’arte

Simon Curtis, regista del biopic Marilyn (2011), mette a fuoco un’altra icona del Novecento raccontando la storia che si cela dietro all’inestimabile Ritratto di Adele Bloch-Bauer I di Gustav Klimt, confiscato dai nazisti nella Vienna della seconda guerra mondiale. Dalla rilucente Woman in Gold (da domani in sala) a la Ragazza con l’orecchino di perla, passando per i Big Eyes infanti fino al regno Labyrinth ispirato alle litografie di Escher…

Guarda anche:Fascination: Una Notte al Museo con cimeli e capolavori dai film

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...