«Leonora addio», il film di Paolo Taviani premio dei critici alla Berlinale 2022

«Guidato dallo spirito libero del genio di Pirandello, il regista mescola poesia, malinconia, ma anche ironia, fantasia e letizia per raccontarci i misteri della vita, della morte e della memoria.» Così, la giuria della critica internazionale del Festival di Berlino ha assegnato il premio Fipresci a Paolo Taviani per Leonora Addio.

Il prestigioso riconoscimento alla pellicola italiana del maestro toscano, per la prima volta senza l’inseparabile fratello, scomparso nel 2018. Si tratta della prima partecipazione per Taviani alla kermesse tedesca dopo il trionfo nel 2012, assieme a Vittorio, dell’Orso d’Oro per Cesare deve morire.

Unico film italiano in concorso, Leonora Addio è liberamente ispirato all’omonima novella di Luigi Pirandello, che i due registi avevano già immaginato di adattare per il loro Kaos. Il racconto della novella si intreccia con quello dei tre funerali celebrati al grande autore siciliano in occasione della sua morte nel 1936.

Leonora Addio è la rocambolesco viaggio delle ceneri del Premio Nobel per la Letteratura, da Roma ad Agrigento, fino alla tribolata sepoltura avvenuta dopo quindici anni dalla morte. L’acclamato film di Taviani è in sala dal 17 febbraio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...