Dentro l’atelier di Daniel Day-Lewis, 10 curiosità glamour su Il Filo Nascosto

Candidato a 6 premi Oscar, l’ultimo capolavoro di Paul Thomas Anderson segna l’addio al cinema di Daniel Day-Lewis che per interpretare Reynolds Woodcock, il celebre couturier nella Londra degli anni Cinquanta, si è spinto oltre l’ossessione, il metodo e l’istinto. Non è un caso che l’antidivo per eccellenza detenga, a oggi, il record di Oscar vinti (tre) come migliore attore protagonista (Il mio piede sinistro di Jim Sheridan, Il Petroliere e Lincoln di Steven Spielberg). Si parla di un quarto forse in arrivo, se l’Academy deciderà di assegnargli anche quello per Il filo nascosto. Il ritorno del duo Anderson e Day-Lewis undici anni dopo Il Petroliere è un inno all’eleganza e racconta la folle storia d’amore tra uno stilista e la sua musa (che ha il volto e le linee di Vicky Krieps). Eccovi, 10 curiosità très chic.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...