3

Per lo sceneggiato, Oscar Tirelli realizzò tre diversi burattini di legno: uno statico il cui originale poi acquistato da un imprenditore di Nizza, Francia; uno meccanico (utilizzato per le scene in movimento, oggi conservato negli archivi della San Paolo Film di Milano) più una testa senza occhi per le scene del movimento degli occhi (conservata nel Teatro Prati di Roma); e infine uno acquatico per le scene in acqua, costituito da pezzi impermeabili conservati negli archivi Cinepat di Roma.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...