Ten Movie Trivia: Eisenstein in Messico

Il britannico Peter Greenaway tributa il leggendario papà de La corazzata Potemkin nel visionario spaccato biografico di Sergej Eisenstein (applaudito all’ultima Berlinale e, attualmente, in sala) durante il viaggio a Guanajuato, dove il 33 enne cineasta sovietico perderà la sua verginità omossessuale prima di dar vita al monumentale Que viva Mexico! (1931), travagliatissima opera rimasta incompiuta: 60 km di pellicola, vergognosamente, amputati. Un progetto epico che verrà accostato a Rapacità di Eric von Stroheim e Intolerance di David Wark Griffith. Ecco, i 10 giorni che sconvolsero Eisenstein secondo quel gallese che volle farsi regista, dopo avere visto Il settimo sigillo di Ingmar Bergman.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...